Olio di cocco contro olio di canola

A prima vista, l’olio di cocco e l’olio di canola possono apparire abbastanza simili, in quanto sono entrambi i grassi derivati ​​da fonti vegetali e contengono un numero simile di calorie per servire. Oltre a questo, tuttavia, hanno molte differenze. Ciò significa che, a seconda dei tuoi obiettivi, uno può essere più adatto dell’altro per i tuoi scopi.

Contare le vostre calorie

Sia l’olio di canola che l’olio di cocco contengono un numero molto simile di calorie. Per cucchiaio da tavola, l’olio di canola ha 120 calorie, mentre l’olio di cocco ha 117 calorie. La quantità di grasso in una porzione è quasi identica, anche con olio di canola contenente 14 grammi di grassi e noci di cocco contenenti 13,6 grammi. Per quanto riguarda questi numeri, è un gioco uniforme.

Grande discussione di grassi

Il tipo di grasso tra i due oli differisce notevolmente. L’olio di Canola è il 61% di grassi monounsaturated, il 32% di grassi polinsaturi – con un mix di omega-6 e omega-3 e 7% di grassi saturi. Al contrario, l’olio di cocco contiene 11,8 grammi di grasso saturo per cucchiaio, il che significa che è circa il 90 per cento di grassi saturi.

Benefici Battaglia

I grassi monoinsaturi nell’olio di canola sono dove troverete i suoi benefici. Un rapporto del 2013 della rivista “Nutrition Review” ha dichiarato che, se confrontato con altre fonti di grassi alimentari, l’olio di canola può ridurre i livelli di lipoproteine ​​totale o bassa densità o colesterolo “cattivo”, nonché migliorare la sensibilità all’insulina. Inoltre, 1 cucchiaio di olio di canola fornisce circa il 15 per cento della vostra assunzione raccomandata di vitamina E e circa il 12 per cento dell’assunzione raccomandata di vitamina K. L’olio di cocco è praticamente privo di entrambi. Mentre il grasso saturo in olio di cocco può sembrare un lato negativo, è leggermente diverso dal grasso saturo che si trova in prodotti animali. L’olio di cocco contiene trigliceridi a media catena, e questo tipo di grassi saturi potrebbe essere utile per aumentare l’energia senza aumentare i livelli di zucchero nel sangue, osserva il dottor Jonny Bowden, nutrizionista.

La Parola Finale

Entrambi gli oli sono calorie dense e devono essere consumate in moderazione se i vostri obiettivi sono perdita di peso o di salute correlati. Mentre l’olio di cocco può offrire vantaggi leggermente diversi rispetto all’olio di canola, è ancora importante mantenere sotto controllo l’assunzione di grassi saturi. Il Dipartimento di Salute e Servizi Umani consiglia di consumare meno del 10 per cento delle vostre calorie da grassi saturi. Tuttavia, un mix di entrambi gli oli, nei limiti calorici della vostra dieta, è probabilmente il migliore. In “Gli elementi essenziali di nutrizione sportiva e di esercizio”, il dottor John Berardi, nutrizionista sportivo, raccomanda di ottenere i grassi da un mix di circa un terzo di grassi monoinsaturi, un terzo di grassi polinsaturi e un terzo di grassi saturi.